Vai menu di sezione

Rifugio Ottone Brentari - Località Cima d'Asta

Quello di Cima D’Asta è il rifugio per eccellenza. Dalla forma quasi perfettamente cubica, si affaccia su di un anfiteatro montuoso.

Aperto quest'anno dal 18 giugno al 25 settembre, il Rifugio S.A.T. Ottone Brentari è una comoda presenza a pochi minuti dalla muraglia meridionale costellata di torri, favorevolmente esposte al sole. Negli ultimi anni l’amore e la passione delle guide alpine locali e dei rifugisti che si sono alternati alla conduzione del Rifugio hanno incrementato e rilanciato l’interesse alpinistico e sportivo in quest’area.

Il Rifugio S.A.T. Cima D’Asta “O. Brentari” è confortevole e accogliente, dispone di 56 posti letto suddivisi in camerate e stanze più piccole con vista lago e cima. Qui l’alpinista è fuori dalle consuete code delle classiche vie di “moda” delle Dolomiti e può godersi l’atmosfera privilegiata dell’età pionieristica, il silenzio di luoghi rimasti appartati.

ATTIVITÀ ESTATE 2016

Escursioni: 

Approfittando del punto d’appoggio costituito dal Rifugio Brentari, si affronta al mattino (dopo una comoda dormita e un’abbondante colazione) l’ascensione alla vetta che lo sovrasta; ne vale la pena per godere il vastissimo panorama: tutto il Lagorai a nord e la conca del Tesino a sud che digrada dolcemente verso la Valsugana, fra pascoli verdeggianti e infinite lastronate di rocce metamorfiche. Sembra davvero di essere in cima ad un'”isola cristallina”, come fu definita alla fine del XIX secolo dai primi geologi che si appassionarono e diffusero la conoscenza delle particolarità geologiche di Cima d’Asta.

Trekking: 

Novità assoluta di quest'anno è il "Giro del Zimon". Grazie a questa affascinante proposta escursionistica è possibile attraversare i sei bacini apicali del Zimon di Cima d’Asta con partenza e arrivo al rifugio Ottone Brentari. L'itinerario è riservato a quegli escursionisti esperti che desiderano esplorare anche le fattezze in ombra di questo "gigante montanino". 

Arrampicate:

La peculiarità di Cima d’Asta consiste nella qualità della roccia: essa è un’isola granitica singolare nelle Dolomiti e nelle Alpi orientali in genere.

Immersioni:

Il laghetto alpino, profondo 38 m che riempie una conca glaciale sotto il ciglione su cui sorge il Rifugio, è il più profondo d’Europa a queste altitudini. Unica nel suo genere è l'opportunità di immergersi ad alta quota.

Sport invernali:

Sci alpinismo e arrampicata su ghiaccio nella stagione invernale.

Tipologia di luogo
Rifugio
Collocazione geografica

Come arrivare

Pagina pubblicata Lunedì, 06 Giugno 2016 - Ultima modifica: Giovedì, 09 Giugno 2016
torna all'inizio del contenuto