L'altopiano di Lamon

Isolato dai profondissimi canyon del Cismon e del Vanoi, accerchiato dalla quinta rocciosa del Coppolo, dall'alto colletto boschivo che lo separa dall'altipiano tesino e dalle contrade di Arsié, Lamon è mondo particolare.

Lamon è ancora luogo genuino in cui vedere e percepire quella che possiamo definire "l'anima" delle contrade feltrine e bellunesi e della "montagna veneta" in generale. Una montagna che, nonostante tutto, dove non è ancora profondamente intaccata e stravolta nella sua fisionomia dal turismo spendaccione, è luogo vivo di gente laboriosa e semplice, dove il senso della vita è un tutt'uno con l'ambiente naturale, qui davvero generoso anche se duro e pauroso sopra quegli impressionanti intagli nettissimi dei canyon.
Lamon, nome che nell'immaginario collettivo ricorda i tempi della fame cronica, tempi in cui l'unico alimento era il fagiolo e pellagrosi piatti a base di polenta. Ora Lamon è ancora terra di fagiolo, pregiata coltivazione Doc. A settembre la grande festa del fagiolo.

Tipologia di luogo
Luogo incantevole
Collocazione geografica

Come arrivare

Pagina pubblicata Venerdì, 10 Febbraio 2017
torna all'inizio del contenuto